Il caso Boffo e la falcidia del Tiranno

Continua la falcidia del Tiranno nei confronti dei giornalisti liberi. Dopo l’editto Bulgaro che privò la tv pubblica di Biagi, Santoro e Luttazzi, dopo la conquista assoluta dei telegiornali della prima e della seconda rete Rai, dopo gli ignobili attacchi all’editore e al direttore di Repubblica e la denuncia dei giornalisti de l’Unità, oggi è la volta del direttore di Avvenire Dino Boffo, colpito con metodo squadrista. A lui e al suo giornale la solidarietà di LeG e l’incoraggiamento a non rinunciare a difendere i valori fondamentali della nostra democrazia sempre più minacciata dalla nuova tirannide.Presidente Napolitano, chi fermerà questo delirio di onnipotenza?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>