L’Italia nel mondo che cambia

<
A


h

r

e

f

=




h

t

t

p

:

/

/

w

w

w

.

l

i

b

e

r

t

a

e

g

i

u

s

t

i

z

i

a

.

i

t

/

s

p

e

c

i

a

l

i

/

a

r

c

h

i

v

i

o

_

d

o

c

u

m

e

n

t

i

.

p

h

p

?

i

d

_

s

e

z

i

o

n

e

=

1

2




>

<
S

T

R

O

N

G

>

U

n


p

r

o

g

r

a

m

m

a




r

e

a

l

i

s

t

i

c

o


e


a

m

b

i

z

i

o

s

o




,

<
/

S

T

R

O

N

G

>


<
/

A

>




n

o

n


f

a

t

t

o


d

i


a

n

n

u

n

c

i


e


p

r

o

m

e

s

s

e




.


C

h

e


p

r

o

m

e

t

t

e


l

a


r

i

forma istituzionale, la riduzione dell’Irpef e un salario minimo legale per i precari. Walter Veltroni, segretario del Pd ed Enrico Morando, estensore del pacchetto programmatico, illustrano così i pilastri del programma del Pd. Una trentina di pagine divise in 12 punti. Che affronta anche questioni “eticamente sensibili” e che lancia slogan come “sicurezza prima di tutto”, “welfare universalistico”, “l’educazione come ascensore sociale”, “spendere meglio e meno”, “pagare meno, pagare tutti”. Ce n’è abbastanza per discutere.
Veltroni ha definito il programma del Pd “un programma di sicurezza sociale e economica perchè non c’è equità sociale senza crescita” e ha evidenziato la differenza rispetto al passato: “In Italia abbiamo avuto promesse appoggiate sui manifesti e poi non trasformate in azioni durevoli nella politica di governo oppure promesse irrealizzabili”. Il programma del Pd invece è “un programma – sottolinea il segretario del Pd – di grande cambiamento del Paese che prima era impossibile perchè c’erano alleanze eterogenee e istituzioni bloccate”.
Leggi il programma
Discutiamone nel Blog

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>