La strada della Margheritasul set di Fellini

“Ci si mette molto tempo per diventare giovani”. La Margherita prende in prestito una frase di Pablo Picasso per salutare la nascita del Partito Democratico. La scritta, azzurra su sfondo giallo, campeggia sul tavolo della presidenza, sul palco del congresso che si apre oggi nel mitico Studio 5 di Cinecittà. Il teatro di tanti film di Federico Fellini è stato scelto come simbolo dell’Italia che sa fare, che innova, che guarda al futuro. L’allestimento è minimal e contrasta con le imponenti scenografie degli ultimi kolossal girati qui.
Il leader Dl, Francesco Rutelli, ha già annunciato che nella relazione non ci sarà solo ’politique politicienne’, non si parlerà solo di correnti della Margherita e di Partito democratico, ma ci sarà ampio spazio anche per alcune “proposte qualificanti” per l’azione di governo, a cominciare dal problema casa. L’inno di Mameli e “One” degli U2 sono le musiche scelte per la colonna sonora del congresso Dl.
Una luce verde riempie la sala, dove sono poco meno di 2 mila i posti a sedere. Al centro del palco, una pedana che riporta lo slogan ufficiale del congresso: “Sono partito democratico e non torno indietro”. In fondo il maxi-schermo che proietta le immagini del congresso. Poco più in là il podio trasparente dal quale prenderanno la parola il presidente del Consiglio Romano Prodi che, intorno alle 11.30, porta al congresso il suo saluto prima di volare a Firenze per fare lo stesso con i Ds; e poi Francesco Rutelli, che leggerà la relazione di apertura.

Sfondo azzurro per un altro schermo sul palco: “Noi per il partito democratico”. Il programma di massima del congresso prevede per domani gli interventi, tra gli altri, di Dario Franceschini, Paolo Gentiloni, Beppe Fioroni, e Arturo Parisi; mentre domenica, prima della replica di Rutelli, parleranno il presidente dei Democratici americani Howard Dean, il presidente del Senato Franco Marini e il segretario dei Ds Piero Fassino. Domani sarà Rutelli a portare il suo saluto alcongresso dei Ds a Firenze.
I delegati che partecipano al Congresso sono 1.794, di questi 1.410 sono stati eletti dai congressi regionali, mentre i restanti 384 partecipano di diritto in quanto parlamentari nazionali ed europei, consiglieri regionali, sindaci di grandi città, presidenti di Regione e Provincia.
Un video di 8 minuti e l’intervento del presidente del Consiglio Romano Prodi apriranno le assise. Subito dopo a prendere la parola sarà il presidente della Margherita Francesco Rutelli. Il pomeriggio sarà dedicato alle tematiche economiche, con gli interventi, tra gli altri del ministro degli Affari Regionali Linda Lanzillota, il vice ministro dell’Economia Roberto Pinza e il presidente della commissione Lavoro del Senato, Tiziano Treu.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>