Salari, maglia nera in Europa

LO STUDIO EURISPES // Crescono poco i salari in Italia e comunque molto meno degli altri paesi europei. Se in Gran Bretagna la busta paga dal 2000 al 2005 è cresciuta del 27,8%, in Italia la crescita è stata solo del 13,7% (la media europea è del 18%). Solo la Germania e la Svezia, paesi dove comunque i livelli retributivi sono mediamente superiori rispetto all’Italia, segnalano un crescita inferiore. Lo rileva uno studio dell’Eurispes che prende in considerazione i lavoratori dell’industria e servizi esclusa la pubblica amministrazione. Dati e grafici alla mano, l’istituto di studi politici economici e sociali, in una dozzina di pagine dimostra che i salari italiani, nel giro di un solo lustro, sono divenuti tra i “più bassi in termini di potere d’acquisto di quelli della stessa Grecia e superiori, in Europa, solo a quelli del Portogallo”. A mettere all’angolo i lavoratori italiani sono stati in sostanza due fattori concomitanti: da un lato un’inflazione superiore ai livelli europeo e dall’atro il sostanziale blocco delle retribuzioni.
Il rapporto Eurispes dal titolo Povero lavoratore: l’inflazione ha prosciugato i salari

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>