Ds e Margherita verso il congresso

D

s


e


M

a

r

g

h

e

r

i

t

a


s

i


a

v

v

i

a

n

o


v

e

r

s

o


i


c

o

n

g

r

e

s

s

i


d

i


P

r

i

m

a

v

e

r

a

.


<
A


h

r

e

f

=




h

t

t

p

:

/

/

w

w

w

.

l

i

b

e

r

t

a

e

g

i

u

s

t

i

z

i

a

.

i

t

/

u

p

l

o

a

d

/

m

o

z

i

o

n

e

_

u

n

i

c

a

-

m

a

r

g

h

e

r

i

t

a

.

p

d

f




>

<
STRONG>La Margherita ci arriva con una mozione unitaria, all’interno dei Ds invece la situazione è più complicata. Di recente si è registrata l’uscita di Nicola Rossi, parlamentare dell’Ulivo, e quella, seppure meno formale di Giuseppe Caldarola, anche lui deputato dell’Ulivo che sceglie di non partecipare al Congresso diessino. Tutta colpa del Pd dicono il ministro Fabio Mussi, firmatario di una mozione, e Gavino Angius che con Caldarola condivideva la Terza mozione. Eppure Piero Fassino lo ha detto con chiarezza: “Il Pd non sarà un partito “leggero”, ma organizzato e radicato nella società. Il Pd può e deve essere l’opportunità di essere un “partito nuovo”. Secondo voi, il Pd è un progetto che aggrega o un progetto che frammenta? Leg apre la discussione sul Forum.
Piero Fassino fa il punto: Ecco perché la Quercia non è in disgregazione
Il Forum di LeG
La Mozione Fassino
La Mozione Mussi
La Mozione Angius

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>