Terrorismo, inutili i pacchetti sicurezza se si mina l’autonomia dei magistrati

Mettere in difficoltà la magistratura e pretendere di debellare il terrorismo. Sono concetti contraddittori che si escludono a vicenda.
Se la Casa delle Libertà intende seriamente contrastare il terrorismo in Italia, cominci col non mettere in crisi il sistema giudiziario: i magistrati devono essere liberi e indipendenti per poter svolgere a tutto campo le indagini. Devono anche essere dotati di mezzi adeguati per assicurare il massimo rigore nello svolgimentio dei loro compiti. C’è dunque una drammatica contraddizione nel proporre soluzioni e risolutivi pacchetti di sicurezza mentre, proprio in queste ore, si stanno dando colpi durissimi all’autonomia dei magistrati. Il Senato è bloccato in difesa di alcuni imputati eccellenti con la prossima approvazione della ex-Cirielli, la legge che riduce drasticamente i tempi di prescrizioni di alcuni reati.
Per combattere veramente il terrorismo, la strada più seria è quella di cominciare col bloccare i provvedimenti contro il sistema giudiziario che stanno per essere varati.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>