L’Unione dimezzi i sottosegretari

LeG chiede alle forze politiche che si riconoscono nell’Unione e al candidato presidente Romano Prodi un impegno a dimezzare (o comunque diminuire drasticamente) il numero dei sottosegretari e viceministri. Il record raggiunto dal terzo governo Berlusconi nel numero di sottosegretari è certamente una moltiplicazione di poltrone per assecondare le esigenze di una maggioranza ormai al capolinea. Vorremmo proprio capire come si distribuiranno i compiti gli otto tra viceministri e sottosegretari che affiancheranno il ministro Lunardi.
LeG chiede inoltre all’Unione di rinunciare all’assurdo ministero allo Sviluppo e alla Coesione territoriale, attualmente affidato a Gianfranco Miccichè e creato soltanto per tentare goffamente di controbilanciare i danni e l’impopolarità della devolution.
Tutti i cittadini devono sapere che la politica ha dei costi cui ognuno è chiamato a partecipare, ma il no allo spreco del denaro pubblico e la trasparenza dei conti devono essere il tratto che distinguerà la politica del dopo Berlusconi.
LeG chiede infine al ministro Siniscalco di conoscere il costo della carovana di sottosegretari, viceministri e ministri. A nulla servirà ridurre deputati e senatori (come prevede la Costituzione di Berlusconi) se il personale politico sacrificato alle urne sarà poi ricompensato con poltrone di sottosegretario.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>