Il mito infranto

Ora il rito è avviato a conclusione, ma il mito è davvero infranto. 1) Berlusconi ha dovuto ammettere che la sua coalizione sta passando una fase difficile; 2) ha dovuto riconoscere che la crisi di governo può far parte della democrazia.
Ma ha anche promesso che la sua riforma della Costituzione risolverà questo increscioso problema.
Nonostante la lunga e enfatica rivendicazione della sua opera di governo, Berlusconi ha dovuto ammettere che di fatto la sua ideologia costituzionale resta per ora un progetto e che il suo carisma personale è ridimensionato da una inevitabile quanto sgradevole concessione alla collegialità della coalizione.
Su questo Fini e Follini hanno vinto e se il loro scopo, al di là di quasi impossibili cambiamenti della situazione attuale, era di ridimensionare l’immagine autoritaria e solitaria di Berlusconi ci sono riusciti.
Il lungo applauso della maggioranza al presidente del Consiglio era soprattutto il sospiro di sollievo di un Senato che non vuole andare a casa e un segno di gratitudine per un uomo che ha sacrificato tanta parte della sua sacrosanta immagine a beneficio della sua e delle loro poltrone. Non sarà facilissimo per Berlusconi far passare una riforma che toglie ogni potere politico a questa istituzione fondamentale della democrazia.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>