Rompere il silenzio sullo scempio della Costituzione

Dopo lo stop imposto ai lavori in Commissione affari istituzionali al Senato, il testo di riforma della Costituzione è arrivato oggi in aula, senza che il centrosinistra abbia potuto discutere i propri emendamenti. Un blitz che assume, nella circostanza di una legge che riforma 53 articoli della nostra Costituzione, la forma inquietante di un modo di procedere autoritario e incostituzionale.Libertà e Giustizia chiede alle forze politiche dell’opposizione di rompere il silenzio e di informare l’opinione pubblica, anche durante la campagna elettorale per le regionali, sul disastro istituzionale che produrrà la devolution della Casa delle Libertà. Questa corsa ad approvare il testo è l’ennesima conferma che si adopera la sacra Carta della nostra identità nazionale solo per accontentare le richieste di Bossi. Libertà e Giustizia si rivolge anche a quei parlamentari della maggioranza che per storia personale e senso dello Stato sono profondamente convinti dell’orrore di questa riforma. Escano ora allo scoperto senza aspettare la seconda lettura di questo scempio della Costituzione che sarà molto rapida.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>